Fri. Apr 1st, 2022

Se vuoi saperne di più su WeBank, il canale internet per servizi bancari e di investimenti di BPM (Banca Popolare di Milano) questa è la guida giusta per te.

Innanzitutto, chi vuole investire sui mercato, deve necessariamente affidarsi a una piattaforma che aiuti a farlo, funzionando da intermediario tra l’investitore e il mercato stesso. Per questo esistono i broker e i canali di investimento, dove potrai trovare le figure più competenti nell’ambito, il cui compito sarà condurti alla gloria personale a livello finanziario.

Nonostante ora concentreremo la nostra attenzione su una piattaforma di brokeraggio bancario, è necessario che tu sappia che esistono altre piattaforme. Queste sono diverse e collegate a istituti finanziari, ma sono ugualmente valide.

Offrono negoziazioni sicure e spesso offrono servizi che i broker bancari ancora non hanno pensato di includere.

Parliamo di piattaforme come IQ Optiono eToro, di cui a breve approfondiremo l’offerta, le quali combattono una lunga battaglia con le banche su chi sia in grado di generare la piattaforma migliore e con i servizi più convenienti per gli utenti.

WeBank, la storia

Passiamo al piatto principale di questa nostra guida, cominciando a studiare e osservare le qualità di WeBank.

Prima di fare ciò, è utile sempre fare un passo indietro e comprendere chi c’è dietro la realtà verso cui decidiamo di fare affidamento. Così è possibile comprendere appieno chi esattamente gestirà i nostri soldi e i nostri investimenti.

WeBank è una banca italiana, la cui forma attuale è la natura di diversi intrecci avvenuti nel corso degli ultimi 10 anni. Gestita da We@ Service, la società di servizi internet per BPM Group, We Bank ha visto una importante evoluzione proprio nel 2009, quando è divenuta una banca indipendente (sotto il nome WeBank SpA) di cui il controllo e le veci fanno la Banca Popolare di Milano (BPM).

Webank è divenuta il 1 ° novembre 2009 una banca indipendente (WeBank SpA) interamente controllata da Banca Popolare di Milano (BPM) e circa un anno dopo il suo Consiglio di Amministrazione ha approvato l’acquisizione al suo interno di IntesaTrade Sim, società di intermedazione mobiliare online, più tardi ribattezzata SIM dalla WeTrade stessa.

Un lungo percorso che ci porta al 2014, quando il CdA di BPM e il CdA di WeBank SpA approvano la fusione in BPM, rendendola poco più tardi il loro canale internet per servizi bancari e di investimento, simile a Fineco o a Widiba.

Come funziona WeBank

Ora che sappiamo bene che stiamo parlando di una realtà di tutto rispetto, che fonda la sua qualità su una storia di lungo termine e che ci assicura una protezione e una sicurezza totali, possiamo andare a vedere nel dettaglio quali sono precisamente i servizi che WeBank offre ai suoi clienti.

Quello che ci preme di più osservare e analizzare sono gli aspetti che riguardano la piattaforma per investimenti e da questo punto di vista possiamo dire che sono diversi e interessanti i servizi che WeBank offre:

  • Una marginazione long e short sia per lavorare sui mercati sia intraday che in overnight;
  • La possibilità di avere ordini condizionati attivi anche nel caso di computer spento, per garantire ai propri utenti la maggior sicurezza possibile;
  • Una buona interfaccia di base;

Webank, un servizio che conviene?

A nostro parere sotto il profilo dell’usabilità e della convenienza i broker di trading online non bancari, vincono a man bassa rispetto a Webank.

I broker come Webank arrancano nella sfida, non essendo in grado di aggiornarsi a un passo paragonabile ai broker online, i quali sono nati e vivono sul web dove la tecnologia avanza sempre velocemente.

Se è pur vero che le banche sono il miglior posto dove conservare i nostri soldi, non è assolutamente vero che siano per forza anche il miglior luogo da dove far partire i nostri investimenti.

Non possiamo negare in alcuno caso la sicurezza dettata da un investimento gestito da una banca come Webank, la quale ci garantirà sempre protezione e (si spera) trasparenza. Così come non possiamo far finta di non notare una politica che accomuna diversi istituti finanziari.

Ovvero la propensione nel lavorare coi grandi investitori, quelli da molti zeri dopo la cifra per intenderci, a discapito dei piccoli e medi investitori, che vengono puntualmente trascurati.

Atteggiamento che si riscontra nella scarsa volontà di alcuni di questi istituti di aggiornare le proprie pratiche per gli investimenti. Ciò costringe gli utenti di banche come Webank a metodologie e a burocrazie anacronistiche e degne dell’anno di fondazione delle stesse banche.

Mettendo sullo stesso piano di confronto il passato, il presente e il futuro del brokeraggio, osserveremo e indicheremo quali sono le differenze tra queste piattaforme, facendo attenzione ai pro e i contro di ognuna di loro.

Sistemi di brokeraggio a confronto

Per presentarti al meglio questa realtà, abbiamo scelto tre interpreti di tutto rispetto che rientrano nei broker moderni online: 

Broker Caratteristiche Apri Conto Demo
broker trading etoro
  • Social Trading
  • Copia i Migliori Traders con un clic
  • Autorizzato da Consob
conto demo
Leggi la Recensione
broker trading nabconsulting
  • Social Trading
  • Copia i Migliori Traders con un clic
  • Autorizzato da Bafin
conto demo
Leggi la Recensione
broker trading iqoption
  • Social Trading
  • Copia i Migliori Traders con un clic
  • Autorizzato da Consob
conto demo
Leggi la Recensione
broker trading plus500
  • Social Trading
  • Copia i Migliori Traders con un clic
  • Autorizzato da Consob
conto demo
Leggi la Recensione
broker trading avatrade
  • Social Trading
  • Copia i Migliori Traders con un clic
  • Autorizzato da Consob
conto demo
Leggi la Recensione
broker trading trade
  • Social Trading
  • Copia i Migliori Traders con un clic
  • Autorizzato da Consob
conto demo
Leggi la Recensione

Quali sono i costi di commissione di WeBank

Tante belle e meritate parole abbiamo speso sulla sicurezza di WeBank e sulla quantità e la qualità dei suoi servizi adatti a tutti, sia chi comincia che chi già è esperto, ma ora dobbiamo passare a raccontare di una amara nota dolente, la quale non possiamo esimerci dallo spiegarvi per onore del vero: le commissioni sugli investimenti.

Sono tanti gli Internet Banking generati da istituti finanziari che crollano su questo aspetto economico del servizio, offrendo al contempo servizi di ottimo livello, ma volendo in cambio cifre non enormi eppure difficili da tenere in conto per i piccoli investitori e per quelli che iniziano con un portafoglio molto ridotto.

Insomma, non è adatto per chi vuole fare trading online con piccole somme.

Profili di negoziazione

Su WeBank troveremo essenzialmente due profili per le commissioni: il Profilo fisso e il Profilo Variabile, entrambi seguono uno stile di tassazione decrementale, con il calcolo del valore delle commissioni che cambia di mese in mese, a seconda del valore generato nel mese precedente a quello in corso.
Vediamo per bene di cosa stiamo parlando.

Nel primo caso, il Profilo Fisso, parliamo di una spesa di commissione che si manifesta tra i 4 e 16 euro per i clienti che hanno generato da 0 a 500 euro di commissioni nel mese precedente.

Il processo che vede le spese di commissioni abbassarsi a seconda del numero di operazioni che si effettuano. Fino ad arrivare a pochi euro per chi arrivare a ottenere una cifra oltre i 2000 euro mensili.

Aspetto che coinvolge anche il Profilo Variabile, i cui tassi sono talmente diversi tra loro, da essere anche difficili da riportare in questa sede. Dimostrando l’ovvia volontà di WeBank di portare il cliente a effettuare più commissioni possibile nell’arco del mese in corso. In questo modo si possono avere avere più agevolazioni possibile sul tasso del mese successivo.

Questo atteggiamento mostra diverse lacune del sistema, che in questo modo spinge da una parte l’utente a fare più investimenti e quindi a provare a guadagnare di più, ma lo mette pure dinanzi al rischio di vedere i suoi investimenti cadere nella miseria più nera, visto che ne aumenta pure la frequenza.

Webank, quali i vantaggi?

Uno dei punti di forza di WeBank investimenti è la possibilità di usufruire di diverse piattaforme su cui operare, create su misura per ogni livello di esperienza pensabile.

Quindi avremo una interfaccia intuitiva, facile da assimilare o anche più complicata e composta se siamo degli investitori esperti, il tutto sarà assolutamente maneggiabile a nostro piacimento.

Avremo, così, la possibilità di scegliere noi cosa mettere avanti e cosa dietro, dando vita ad una interfaccia personalizzata che raccoglie e mostra soltanto le informazioni che vogliamo tenere sempre sott’occhio.

Tra i servizi utili appartenenti a questa piattaforma c’è sicuramente da far notare gli Alert e gli ordini condizionati di cui sopra, ideati e utili per tenere tutto sempre sotto controllo.

Il tutto ricalca esattamente la funzione di Stop Loss. Questa tiene a bada le vostre perdite, evitando di farvi dire addio in una sola volta tutto il vostro capitale o la funzione di Take Profit.

Inoltre, WeBank a pensato anche ama fare investimenti in movimento o avere sempre tutto sotto controllo. Questo anche quando non può stare vicino ad una postazione Pc.

Inoltre, ha ideato T3, l’app mobile che consente ai suoi utenti di ottenere tutte le notizie sul mercato in tempo reale. Così si puoi continuare a fare investimenti ovunque tu sia.

In conclusione

Cosa abbiamo capito grazie a questa recensione? Tiriamo le somme seriamente, osservando i pro e i contro di WeBank.

Abbiamo visto che ci offre tanti servizi, tutti ottimi, e che ci regala una protezione e una sicurezza sul deposito e sugli investimenti totale, la quale non può far altro che lasciarci dormire sonni tranquilli.

Eppure quei costi di commissione sono un pugno nell’occhio, soprattutto quando ci sono realtà altrettanto buone, altrettanto valide del tutto gratuite. Ci sono broker che non prevedono costi di commissione o gestione e che offrono tantissimi servizi per chi comincia, che in WeBank non troviamo.

Il nostro consiglio è quello di considerare WeBank quando sarai sicuro della mole dei tuoi investimenti. In ogni caso, sarà talmente elevata da superare la cifra richiesta per ottenere dei tassi umani e fattibili.

Tuttavia, se sei un piccolo investitore, che vuole o deve cominciare con un portafoglio piccolo e fare la necessaria esperienza… Allora non ti resta che afferrare al volo le opportunità dettate da una delle tante piattaforme alternative che ti abbiamo mostrato e cominciare a fare investimenti!Dove ha sede WeBank?

La sede centrale del Gruppo si trova a Milano, in Italia.Quando è stata fondata WeBank?

La sua fondazione risale al 1999, come costola operativa del gruppo bancario BPM.Fare trading con WeBank comporta dei costi?

Si, purtroppo ci sono costi fissi e commissioni sull’eseguito. Ogni operazione avrà un costo minimo di €2.Ci sono alternative gratuite a WeBank?

Si, fare trading con piattaforme CFD come eToro è molto più conveniente in quanto non ci sono spese fisse da sostenere.

By admin

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notify of
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x